NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Ecce Dominus Veniet: Due Eventi!

1712 EcceDominus 350Sabato 23 dicembre ore 20:45 a Codroipo e venerdì 29 dicembre a Villaorba di Basiliano

“Ecce Dominus Veniet”:
la prima e unica reinterpretazione in chiave moderna
della musica contenuta nell’antichissimo MS. 4 “Mattutinale Aquileiese” guarneriano
a cura del coro J.C. di Plasencis
con il sostegno dei Comuni di Basiliano, Codroipo, Mereto di Tomba e di BCC Basiliano
Ingresso libero

“Far risuonare ancora la voce di un manoscritto vergato più di mille anni fa è molto di più di una operazione culturale: restituisce infatti tutto lo stupore e la meraviglia che le antiche pergamene sanno preservare nell’ombra degli scaffali. Ci regala l’opportunità di trasformarne il loro fruscìo in voce. Una voce che da dieci secoli nessuno ha più riascoltato.” Con queste parole il professor Angelo Floramo, storico e consulente scientifico della Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli, introduce il lavoro che ha portato alla nascita dell’opera “Ecce Dominus Veniet”: un lavoro cominciato tempo fa, su suggerimento dello stesso professore e fortemente voluto dal coro J. C. di Plasencis e che ridà suono alle antiche e complesse parti musicali di un manoscritto tutt’oggi conservato fra gli scaffali della Guarneriana.

Dopo il grande successo della prima presentata il 18 dicembre dell’anno scorso nel duomo di San Daniele del Friuli, il coro J.C. di Plasencis propone in un doppio appuntamento una versione ancora più suggestiva dell’Ecce Dominus Veniet, la composizione in tre movimenti per coro, soprano solista, sax contralto, pianoforte e percussioni dedicata al tema dell’attesa del Natale e che porta la firma del maestro Francesco Zorzini.
Ispirata all’ultramillenario manoscritto guarneriano numero 4 di antifone aquileiensi, l’opera è un’importante operazione culturale nata con l’intento di riproporre al pubblico di oggi l’eterea bellezza della musica contenuta nell’antico codice. Un processo creativo lungo oltre un anno, frutto della collaborazione tra il professor Floramo e il coro J. C. di Plasencis che, dopo aver raccolto la sfida di ridare voce al codice, ha commissionato al compositore il lavoro di trasposizione e arrangiamento in chiave moderna.

L’Ecce Dominus Veniet nasce infatti dallo sviluppo tematico di tre frammenti melodici del manoscritto guarneriano numero 4. Noto agli studiosi di tutto il mondo, il MS. 4 è uno degli esemplari più rari e antichi della liturgia patriarchina della chiesa madre d’Aquileia. Giunse nell’abbazia di Moggio Udinese nel 1117, portato dai monaci di San Gallo (Svizzera) assieme ad altri importanti corredi. Le sue prime antifone sono dedicate alla settimana dell’Avvento e dunque all’attesa del Natale, che i monaci trascorrevano in canto e preghiera secondo la rigida prescrizione della “Regula” di Benedetto. Il manoscritto è infatti testimone dell’arte del canto aquileiese. Le parole e i suoni contenuti dischiudono la sorpresa della prima notazione musicale che l’occidente medievale conobbe, quella che gli specialisti chiamano neumatica in campo aperto: si tratta di piccoli segni - poco più di linee, punti, accenti - che posti sulle parole indicavano al maestro come si dovesse modulare la voce.

Da quelle pagine, grazie all’interessamento del professor Floramo, è quindi nata la trasposizione dei segni in musica, che è culminata in una trascrizione con contaminazioni jazz capace di fondere l’antico con il contemporaneo. Come commenta il maestro Francesco Zorzini: “Il lavoro è un omaggio affascinato alla bellezza e raffinatezza del mondo musicale antico e coniuga la monodia medioevale con ritmi e sonorità del presente, nella convinzione che, pur nella sua difficile decifrazione, il manoscritto possa essere ancora vicino alla nostra contemporaneità, possa parlarci e commuoverci”.

Per le repliche previste sabato 23 dicembre a Codroipo e venerdì 29 dicembre a Villorba di Basiliano, diverse sono le novità. A cominciare dall’ampliamento dell’opera stessa, che raccoglie altro materiale proveniente dal medesimo codice, insieme all’intervento di una voce recitante che dialogherà con il coro – il cui testo è curato dal dott. Angelo Floramo – e che renderà l’esperienza ancora più coinvolgente. Per finire, una compagine di voci più ampia: oltre al coro J. C. di Plasencis, ci sarà il gruppo vocale Singinchoir, diretto dal M° Alessandro Rizzi.
Ad accompagnare i cori ci saranno proprio il maestro e compositore Francesco Zorzini al pianoforte, Margherita Crisetig al sax contralto e Alessandro Piputto alle percussioni, mentre la voce recitante sarà quella di Federico Scridel.
La direzione artistica e del concerto è del M° Erica Zanin.

Appuntamenti quindi fissati per sabato 23 dicembre alle 20.45 a Codroipo - duomo di Santa Maria Maggiore a Codroipo - e venerdì 29 dicembre alle 20.45 a Villaorba di Basiliano - chiesa di San Tommaso.
Le rappresentazioni sono patrocinate dai comuni di Basiliano, Codroipo e Mereto di Tomba e sostenute dalla BCC di Basiliano.

 

Biografie e Locandina

(a seguire)

Leggi tutto: Ecce Dominus Veniet: Due Eventi!

Concerto per Sentieri di Musica e Culture

171215 PMMSerataMusicaCulture 350Il nostro coro parteciperà alla serata conclusiva del progetto "Sentieri di Musica e Culture", organizzato dall'associazione "Praticamentemusica" di Udine, che si occupa dell'insegnamento della musica ai bambini e non solo.

Dopo una serie di lezioni e corsi indirizzati alla scoperta di nuovi "mondi di musica" così da scoprire una comunità interculturale, anche noi ci presteremo per concludere questa splendida iniziativa con il nostro concerto, che sarà dedicato alla scoperta di modi diversi di fare musica negli angoli del nostro pianeta. Si tratterà di una serata dedicata al racconto del progetto, con musica, danza e proiezione dell'intero percorso dedicato ai bambini.

Il programma che proporremo diretti dalla M° Erica Zanin, alternandoci con i musicisti, sarà:

  • Cordero de Dios dalla Misa Criolla, di Ariel Ramírez
  • Los Reyes Magos da Navidad Nuestra, di Ariel Ramirez
  • Lammaa Badaa Yatathannaa, trazionale arabo-andaluso
  • Tsur Mischelo, preghiera ebraica
  • Waktu Potong Padi, canto folk indonesiano
  • Dry your tears, Afrika! dal film Amistad, di Bernard Dadie - John Williams
  • Nadal, di Lelo Cjanton - Davide Liani
  • Ai Preat la Biele Stele, canto popolare friulano
  • Ederlezi, canto popolare tzigano balcanico (Strumentale)
  • Kettos villamos - Tram n.2 (Strumentale)
  • 5 danze, di Gianantonio Rossi (Strumentale)

I musicisti saranno Alessandro Piputto alle percussioni, Margherita Crisetig al sassofono, Davide Tomasetig al piano e Carlo  Zorzini al violino.

Alla serata musicale parteciperà anche il gruppo Balletto Folcloristico di Pasian di Prato e ci si avvarrà della collaborazione dell'associazione “Camino Controcorrente” di Camino al Tagliamento.
Il progetto, finanziato dalla Regione Friuli-Venezia Giulia, si è svolto in collaborazione con i partner Comune di Pasian di Prato, Circolo mediatori culturali Acli, Auser di Udine, Banda "Città di Gemona", Coro J.C. di Plasencis, Balletto Folcloristico di Pasian di Prato, la Filarmonica Colloredo di Prato e gode del patrocinio del Comune di Udine e del Conservatorio "Jacopo Tomadini" di Udine.

Il concerto si terrà venerdì 15 dicembre, alle 20.45 presso l'Auditorium Venier di Pasian di Prato.
Ingresso gratuito!

Musica per le tue Orecchie 2017

1707 MusicaPLTOTutto pronto per la prossima edizione di Musica per le Tue Orecchie, che raggiunge quest'anno la 13° edizione!
L'appuntamento è per sabato 15 luglio, dalle 20.45, presso la chiesetta di San Martino a Savalons di Mereto di Tomba.

Ad aprire la serata saremo noi del Coro J.C. di Plasencis, sempre diretti dalla M° Erica Zanin.

A seguire, lo Sparkle Duo, gruppo di recentissima formazione composto dalla nostra Margherita Crisetig al sassofono e Francesca Hrast al vibrafono, che si esibirà in un programma tutto particolare.

Chiuderà la serata il gruppo vocale Allegre con Brio di Udine, diretto dalla M° Lucia Follador, che ci allieterà con un repertorio basato sulle musica più famose degli anni '40 e '50!

Vi aspettiamo numerosissimi!

Il nostro programma:

  • Putta nera, da "Il primo Libro dei Balli", di G. Mainerio
  • Gnot d'avril, popolare friulana
  • Poor wayfaring stranger, folk americano
  • O magnum mysterium, M. Lauridsen
  • Il est bel et bon, popolare francese

 

 

24° Concerto Itinerante dei Cori Comunali (a San Marco)

fantasia11Con l'arrivo della primavera (o almeno speriamo che arrivi!) arriva anche il momento della tanto attesa esibizione dei cori del Comune di Mereto di Tomba, con la rassegna itinerante che giunge alla 24° edizione!
Come sempre i protagonisti saranno, oltre a noi, il coro "Cjastelîr" di Tomba diretto dal M° Maurizio Del Giudice e il "Coro parrocchiale di Mereto di Tomba", diretto dal M° Michele D’Antoni.
Per l'occasione verranno premiate la mamma più giovane e la mamma più anziana (tra quelle nate in un anno terminante con 7).

L'appuntamento è domenica 30 aprile 2017, per le ore 18.00 a San Marco, presso la Sala della Comunità.

Ed ecco i repertori offerti dai cori:


Coro J.C. di Plasencis
Direttore Erica Zanin

Stava A’ Pie’ Della Croce da "Il terzo libro delle Laudi spirituali", Padre F. Soto
Putta Nera da “Il Primo libro dei balli”, G. Mainerio
La Gnot D’Avril, Popolare friulana
Poor Wayfaring Stranger, Folk americano
Il Est Bel Et Bon, Popolare francese


Coro Cjastelîr di Tomba
Direttore Maurizio Del Giudice

Leggi tutto: 24° Concerto Itinerante dei Cori Comunali (a San Marco)

39° Sacra Rappresentazione della Via Crucis

1704 ViaCrucisCiconiccoLa Settimana Santa si avvicina e con essa l'appuntamento con la "Via Crucis" di Ciconicco, che quest'anno giunge alla 39esima edizione.
Perchè ne parliamo? Perchè quest'anno all'evento collaborà anche il nostro coro che, insieme alla direttrice Erica Zanin, accompagnerà con la musica vari momenti della rappresentazione!

L'evento del 2017, organizzato dall'Associazione Culturale "Un Grup di Amîs" e diretto dalla regista Daniela Zorzini, sarà importante anche per un altro motivo, siccome potrebbe diventare a breve "Patrimonio Immateriale dell’Umanità" dell’Unesco. Non a caso, venerdì 14 aprile, sulle colline di Ciconicco, gremite da migliaia di persone, ci sarà anche il professor Francisco Javier Lopez Morales, rappresentante dell’Unesco.

L'appuntamento è come detto per venerdì 14 aprile, dalle 21 sulle colline di Ciconicco. In caso di maltempo l'evento sarà rinviato a sabato 22 aprile.

Clicca qui per maggiori informazioni: www.ciconicco.it

Ricordando la bella serata di San Daniele

evento 161218 EcceDominusFotoAltri impegni si avvicinano, ma vogliamo ricordare e celebrare la recente esperienza di domenica sera a San Daniele del Friuli quando abbiamo presentato la prima assoluta dell'opera "Ecce Dominus Veniet", ossia la trasposizione in musica del manoscritto 4, il codice di "antifone aquileiesi" più che millenario ospitato presso la Biblioteca Guarneriana di San Daniele, un lavoro durato mesi e commissionatoci dalla locale Amministrazione comunale.

Un'esperienza conclusasi con un concerto che ci ha fortemente emozionati e con la quale speriamo di aver trasmesso la stessa emozione anche a coloro che ci ascoltavano. In questo breve articolo vogliamo ringraziare chi ha partecipato e contribuito al grande successo dell'evento: in primo luogo l'Amministrazione comunale di San Daniele, promotrice e patrocinatrice dell'iniziativa; il prof. Angelo Floramo, storico e consulente della Guarneriana che ci ha avvicinati illustrandoci l'importanza dell'antico codice; il compositore Francesco Zorzini, che con la sua opera in tre atti ha dato voce al manoscritto e evidenziato le capacità del nostro gruppo; gli strumentisti Margherita Crisetig, Alessandro Piputto e Bruno Sebastianutto, che ci hanno accompagnati in lunghe sedute di prove; gli amici che hanno voluto cantare con noi in quest'occasione, Andrea, Martina e Carlo, e, ovviamente, la nostra direttrice Erica Zanin per la pazienza e sempiterna fiducia in noi e nella riuscita finale dell'evento!
Speriamo di ripetere presto questa importante esperienza così da dar modo ad altre persone di riascoltare parole e musica composte in un epoca così lontana ma mai così vicina, nuovamente, a noi!

Ecce Dominus Veniet - Concerto a San Daniele del Friuli

evento 161218 EcceDominusVeniet 350"Far risuonare ancora la voce di un manoscritto vergato più di mille anni fa è molto di più di una operazione culturale: restituisce infatti tutto lo stupore e la meraviglia che le antiche pergamene sanno preservare nell’ombra degli scaffali. Ci regala l’opportunità di trasformarne il loro fruscio in voce. Una voce che da dieci secoli nessuno ha più riascoltato."

È con le parole del prof. Angelo Floramo, consulente scientifico della Biblioteca Guarneriana di San Daniele, che introduciamo il progetto di collaborazione con la stessa istituzione e il Comune di San Daniele del Friuli con il quale abbiamo inteso recuperare e ripresentare in chiave musicale moderna l'antico documento di inestimabile valore: "Il manoscritto guarneriano numero 4, ben noto agli studiosi di tutto il mondo, è infatti uno degli esemplari più rari e antichi della liturgia patriarchina della chiesa madre d’Aquileia. Giunse nell’abbazia di Moggio Udinese nel 1117, portato dai monaci di San Gallo, in Svizzera, assieme ad altri importanti corredi".

A condurre l'opera di trasposizione musicale il maestro e compositore Francesco Zorzini: "Le parole e i suoni dischiudono la sorpresa della prima notazione musicale che l’occidente medievale conobbe, quella che gli specialisti chiamano neumatica in campo aperto: si tratta di piccoli segni, poco più di linee, punti, accenti, che posti sulle parole indicavano al maestro quanto si dovesse modulare la voce. Tanta meraviglia verrà per l’occasione riletta attraverso una contaminazione jazz, capace di fondere insieme l’antico e il moderno, inseguendo nella bellezza di un viaggio mai prima tentato quel Mistero di cui le antifone raccontano tutta la sorpresa".

Insieme al nostro coro, diretto dalla maestra Erica Zanin, interverranno Bruno Sebastianutto al pianoforte, Margherita Crisetig al sassofono contralto e Alessandro Piputto alle percussioni.

"I chierici aquilieiesi cantano come un coro di beati". Questo ebbe a dire San Gerolamo, in visita alle nostre terre. E questo potranno assaporare ancora coloro che vorranno regalarsi tale opportunità, domenica 18 dicembre, alle ore 17.00, nel Duomo di San Daniele del Friuli, presso il quale, fra gli scaffali della Biblioteca Guarneriana Antica, il manoscritto dal quale sono stati tratti i brani continua a tramandare sapienza e bellezza a tutti coloro che hanno stupore nel cuore.

 

Scarica la locandina cliccando qui.